psicologia delle dipendenze

Dott.ssa Valeria Campinoti

dipendenza

Terminologia

Il termine dipendenza deriva dal verbo latino dependere, il cui significato è “essere appeso, essere legato a qualcosa”: infatti, in una dipendenza il soggetto risulta essere appunto appeso, o legato, alla sostanza di cui fa uso, tanto da non essere in grado di interrompere il comportamento di assunzione, né di decidere quando o quanto far uso dello sostanza stessa.

categorie delle

Dipendenze

Nel nostro secolo le sostanze psicoattive maggiormente utilizzate, specie in Italia, risultano essere cocaina, eroina, cannabis, alcol ed anche le droghe sintetiche.

Oltre alla dipendenza da sostanze, esiste un’altra categoria ovvero quella delle “dipendenze senza sostanza”.

Che significa?

Le “nuove dipendenze”, o “dipendenze senza sostanza”, si riferiscono a una vasta gamma di comportamenti.

Tra esse possiamo annoverare:

  • il gioco d’azzardo patologico (GAP),
  • lo shopping compulsivo,
  • la cosiddetta “new technologies addiction” (dipendenza da TV, internet, social network, videogiochi),
  • le dipendenze dal lavoro (workaholism),
  • le dipendenze dal sesso (sex-addiction)
  • la dipendenza dalle relazioni affettive,
  • e alcune devianze del comportamento alimentare come l’ortoressia o dell’allenamento sportivo come la sindrome da overtraining.

dipendenze

Caratteristiche

Sia le dipendenze da sostanza che le nuove dipendenze hanno delle caratteristiche in comune:

  • Il piacere: sensazioni “positive” e piacevoli che sia la sostanza che il comportamento dipendente danno in una prima fase di consumo. Come l’inizio di una storia d’amore… dove tutto sembra perfetto.
  • La dominanza: il pensiero della sostanza o del comportamento prevale con prepotenza su gran parte degli aspetti della vita, tanto da avere forti difficoltà a resistere ad assumerla o mettere in atto il comportamento.
  • Il craving: la sensazione ed il desiderio incontrollabile di assumere la sostanza o di mettere in atto il comportamento.
  • L’instabilità dell’umore: sbalzi di umore e difficoltà a controllare il proprio stato emotivo in gran parte degli aspetti della propria vita.
  • La tolleranza: la necessità di assumere quantità di sostanza o di mettere in atto sempre più volte quel comportamento al fine di ottenere gli effetti desiderati e “piacevoli”, che tendono a svanire sempre più in fretta.
  • L’astinenza: un disagio psichico e fisico dovuto all’interruzione dell’assunzione della sostanza o all’interruzione del comportamento.
  • Le ricadute: vi è la frequente tendenza a riavvicinarsi alla sostanza (o al comportamento) dopo un periodo di interruzione.

dipendenze

Trattamenti

Trattare una dipendenza significa aiutare l’individuo ad interrompere l’assunzione della sostanza o l’interruzione del comportamento, sfruttando anche le ricadute che possono verificarsi lungo il percorso, vedendole come delle opportunità e non come dei fallimenti.

 

Ricerca di

Obiettivi

Ritengo che l’obiettivo principale sia quello di aiutare il paziente a costruire per se stesso una vita piena e vissuta come degna, permettendogli di pensare e raggiungere obiettivi scardinati dall’etichetta di “(tossico)dipendente” e tornare a stare bene con te stesso e con gli altri.

Parlare di problemi, porta problemi. Parlare di soluzioni, porta soluzioni.

Sono fermamente convinta che ogni persona ha risorse e potenzialità inestimabili, anche laddove sembrano esserci solo difficoltà e sconfitte. Credo che “se c’è un problema, c’è anche una soluzione” e, proprio per questo, in ogni seduta, grazie alle tue risorse potremo scoprire insieme cosa c’è al di là del problema, affrontando le sfide, guardandole come occasioni di crescita e puntando verso l’obiettivo che vuoi perseguire.

contattami

Hai delle domande da pormi?

Se desideri avere delle informazioni o vuoi prenotare un appuntamento, clicca il pulsante qui sotto.